Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
10 marzo 2010 3 10 /03 /marzo /2010 12:18

Forse esagero, come mi accade spesso quando amo una cosa che che intraprendo.
Forse esagero ma il nome è importante.
Nel titolo ho citato Oscar Wilde ma potrei fare più nomi di uno che prepara le liste elettorali senza per questo andare a mangiare un panino...

Quando nasce una cosa, la prima tappa sul suo cammino è legata alla scelta del nome.
In molti casi è stato già scelto in precedenza.
Capita con i bambini: quando si conosce con certezza il sesso del nascituro dagli giù con liste, suggerimenti, imposiszioni nepotiche e riferimenti a questo o quell'attorecantantetronistadivodellativvù (che se il bambino sapesse vi sputerebbe in faccia la prima poppata!).
Capita con un'attività commericale. Con una piazza. Con il soprannome del fidanzato (che se il fidanzato non fosse accecato dalla effe maiuscola vi sputerrebe in faccia alla prima poppata!).

A me capita spesso. Ogni libro, capitolo, personaggio, articolo, spettacolo necessita di un nome. Fondamentale per la sua nascita, crescita e "fortuna" (come scrivevano le Antologie dei miei tempi scolastici).

Ora, con altri 4 colleghi-amici, siamo alle meravigliose prese con la nascita di una nuova Compagnia Tetarale. La quale necessita di un nome. E se già la scelta fra Marco e Giuseppe, fra Brad e George, fra Costantino e Mauriziocostanzo è di per sé difficoltosa, non potete immaginare quanto lo sia per un'entità reale, fisica (5 persone vi assicuro che sono molto fisiche, soprattutto su un palcoscenico!) ma che spesso, nella sua vita, dovrà sostare su fogli, cartelloni, o magari volare di bocca in bocca, in un passaparola che ne farebbe, antologicamente, la fortuna. Un nome che rimane. Un nome che acchiappa!

Cosa vorrei? Che chi abbia avuto la pazienza di leggere questo post avesse anche quella di suggerire, come le nonneziecuginecognate di cui sopra, qualche nome per la creatura che già muove i primi passi, ma che verrà presentata a parenti e amici il 16 aprile 2010, al debutto sul Palcoscenico della Sala Valadier in Terracina.

 

Io aspetto eh...

Condividi post

Repost 0
Massimo Lerose
scrivi un commento

commenti

Irene Chinappi 03/10/2010 16:57


Aggiungo che la traduzione più adatta è stata "L'importanza d'esser Franco" ....


Irene Chinappi 03/10/2010 13:03


Le nostre menti sono al lavoro.
Ma mi permetto di fare un appunto. Che non ha nulla a che vedere col nome della compagnia. Piuttosto con la mia deformazione non professionale, direi meglio "formativa", di linguista e traduttrice.
Proprio perché un nome è importante ce l'ho con chi ha tradotto il titolo della commedia di Oscar Wilde in "L'importanza di chiamarsi Ernesto". In quel testo tutto gira attorno al gioco di parole
su "Earnest" che in inglese è un nome ma significa anche "Onesto". Perdere quel significato in italiano è un grande peccato. Ne soffre tutta la trama.
Sono uscita fuori tema ma questa cosa ce l'ho in corpo da una vita!
Ecco, però, l'importanza di un nome.
Altrimenti detto: “Le parole sono importanti!"


Massimo Lerose 03/10/2010 15:52


Ho imparato un'altra cosa...grazie Ire!!!


Presentazione

  • : Blog di Massimo Lerose
  • Blog di Massimo Lerose
  • : Meglio stare all'Indice che al medio... Scrittori Pericolosi, non scrittori fottuti!
  • Contatti

Profilo

  • Massimo Lerose
  • Massimo Lerose nasce nel 1978.
E' attore, regista e scrittore.
Per molti dovrebbe trovare un "lavoro serio".
Per alcuni è un "talento sprecato".
Per pochi è semplicemente Massimo.
La sua casa è il mondo.
Il suo mondo è Terracina."
  • Massimo Lerose nasce nel 1978. E' attore, regista e scrittore. Per molti dovrebbe trovare un "lavoro serio". Per alcuni è un "talento sprecato". Per pochi è semplicemente Massimo. La sua casa è il mondo. Il suo mondo è Terracina."