Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
21 febbraio 2012 2 21 /02 /febbraio /2012 16:38

Uno può partire avvantaggiato da madre natura quanto vuole, pure di mezzo giro di pista, ma se poi si ferma a salutare il pubblico o a fare lo spaccone alla Usain Bolt, magari c'è che ti danno Falsa Partenza e t'attacchi al tram che si chiama desiderio e che poi, mi han detto, non passa più.

Uno può avere anche i pregiudizi, e badate bene che non sono per forza negativi, semplicemente dei giudizi fatti prima, magari prima di leggere, come in questo caso che si parla di libri. E io, umanamente, ce ne ho molti. Ma mai saccenti o di pancia. Si giudica di testa perché, giù che possa andre il tuo giudizio, scende fino al cuore. Mai di pancia. Troppo ben collegata al sedere.

Uno, insomma, parte avvantaggiato perché ho letto il precedente libro e mi ha gradevolmente colpito (potete leggere qui http://scrittoripericolosi.over-blog.it/article-l-eresia-di-carlo-a-martigli-o-del-libero-arbitrio--41218405.html ). Parte avvantaggiato anche perché l'ho conosciuto di persona e s'è trovata subito la giusta empatia. 

Ma da giallista so benissimo che un semplice indizio o anche una corroborante prova non fanno terminare le indagini e scoprire per forza il colpevole.

Però, dicendola alla Totò, due prove fanno un indizio.

L'indizio in questione è L'ERETICO.

ereticobig.jpg

Come un Salgari riesce magicamente a farti credere di essere stato non solo in posti in cui il suo capello bianco (ma anche quello nero della gioventù) non è mai svolazzato, ma anche in epoche che, nonostante il capello bianco, neanche fosse il monaco Ada Ta e la sua indistinguibile età, sarebbe riuscito a visitare. E invece Carlo Martigli ci porta per mano fra persone (non personaggi, badate bene!) vere che se le descrivessero così nei libri la Storia sarebbe al secondo posto dopo Fifa2012 della Playstation nel cuore dei ragazzini; ci accompagana a tavola, per strada, financo nei cessi, guarda un po', perché, non so se ve lo hanno mai detto i libri, ma anche il protagonista Gesù la faceva, sennò a 33 anni non ci sarebbero arrivato neanche con un miracolo!

Ed è proprio da Gesù e dall'incomprensibile, finora, mistero che aleggia intorno ai suoi anni dai 12 ai 30 in cui nessuno, neanche e soprattutto i 4 evangelisti riconosciuti dalla Chiesa, ci ha saputo spiegare dove fosse andato e cosa avesse fatto, ed è proprio da qui che parte la straordinaria avventura che l'eccellente scrittura di Martigli ci porta a vivere.

Sono un giallista e questo è il secondo indizio che raccolgo su Carlo Martigli. Anzi... la seconda prova. Inconfutabile. Martigli è un grande scrittore dei nostri tempi. Uno scrittore pericoloso. Non solo per i temi che tratta.

Ma per COME li tratta.

Due indizi fanno una prova.

Due prove fanno un colpevole.

Condanno Carlo A. Martigli al marchio a fuoco di SCRITTORE PERICOLOSO.

Condividi post

Repost 0
Massimo Lerose
scrivi un commento

commenti

ANNA MARIA 02/27/2012 18:04

si,è un eretico pericolosissimo

Presentazione

  • : Blog di Massimo Lerose
  • Blog di Massimo Lerose
  • : Meglio stare all'Indice che al medio... Scrittori Pericolosi, non scrittori fottuti!
  • Contatti

Profilo

  • Massimo Lerose
  • Massimo Lerose nasce nel 1978.
E' attore, regista e scrittore.
Per molti dovrebbe trovare un "lavoro serio".
Per alcuni è un "talento sprecato".
Per pochi è semplicemente Massimo.
La sua casa è il mondo.
Il suo mondo è Terracina."
  • Massimo Lerose nasce nel 1978. E' attore, regista e scrittore. Per molti dovrebbe trovare un "lavoro serio". Per alcuni è un "talento sprecato". Per pochi è semplicemente Massimo. La sua casa è il mondo. Il suo mondo è Terracina."