Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
19 settembre 2009 6 19 /09 /settembre /2009 13:35

Posto di nuovo il mio racconto pubblicato sul numero 46 della rivista letteraria PROSPEKTIVA. Sia perché la scorsa volta, non ancora a mio agio con la vera natura di questo overblog, l'ho inserito in una delle finestre che non riesco più a ritrovare (la casa è spaziosa...), sia perché vorrei farvi riflettere sulla differenza di vedute fra gli adulti e i bambini. Mi ritengo avvantaggiato e al contempo fortunato di poter lavorare coi bambini tanto da sfiorare la comprensione dei loro pensieri cosidetti laterali... e con questo mio racconto voglio portarvi con me alla loro stessa altezza, quella che, in fondo, fino a qualche anno fa era la nostra stessa altezza. Buona lettura.


                                               GLI  OCCHI  DI  EKO

Un racconto di Massimo Lerose

 

La polvere giallo ocra si addensava a bassa quota, a pochi centimetri dalla terra rosso carne-di-manzo dove tante gracili e fulminee gambe marrone corteccia-di-quercia si intrecciavano e si rincorrevano per arrivare per prime sul pallone grigio cartastraccia.

Eko era veloce come il suo sorriso bianco zanna-di-elefante, bello come i suoi sette anni colorati di arcobaleno e nero come la sua Africa.

- Passa! – gridò al compagno di squadra con le scarpe, smarcandosi vicino la porta avversaria – Dai, passa a me!

Il piccolo Nelson arrivò sul fondo e, con l’aiuto della scarpa sinistra azzurro mare-radente-spiaggia, crossò verso l’amico.

Eko guardò la palla grigia volare nel cielo blu e fu quasi accecato dalla luce bianco-gialla uovo-caduto-in-terra che il sole di mezzogiorno emanava verso il continente che chiamava “casa”. Il ragazzino chiuse gli occhi e, staccati i piedini bicolore e nudi da terra, saltò verso il punto dove il grigio della palla e il nero della sua fronte si sarebbero incontrati per dar vita a un colpo di testa degno di Pelè.

L’impatto. Poi la traiettoria, scia luminosa giallo polvere. Infine il gol, arancione come il colore preferito di Eko. L’esultanza fu solo la giusta conseguenza: Eko corse ad abbracciare Nelson, l’unico della squadra ad avere un paio di scarpe.

 

 

- Com’è andata la partita? – chiese il papà al piccolo Eko che masticava un variopinto couscous.

- Abbiamo vinto – rispose il bimbo con la bocca piena di cibo colorato – e io ho segnato il gol della vittoria.

- Tu sei il migliore, figlio mio – si pavoneggiò l’uomo sorseggiando una birra ambrata – proprio come tuo padre.

Eko lo guardò pensieroso – Veramente è stato Nelson il più bravo.

- Nelson?

- È lui che mi ha passato la palla.

- Chi è Nelson?

- Uno della mia squadra.

- Non c’è nessun Nelson nella tua squadra.

- Sì… è nuovo.

- E com’è fatto?

- Ha le scarpe.

Il papà di Eko scolò la sua birra e gettò la lattina bianco-verde nella busta azzurrina per l’immondizia – D’accordo, ma dimmi almeno com’è fatto: è alto, è basso, magro, grasso…

Eko si pulì il musetto con un tovagliolo viola coi fiori rosa – Ha le scarpe.

 

 

Il giorno dopo papà Youssouf accompagnò Eko al campetto. C’erano già molti bambini, tutti con le loro inconfondibili gambe agili e nero gazzella-che-danza. L’uomo si guardò intorno, ancora incuriosito dalla storia di “Nelson quello con le scarpe”; non riusciva a vedere alcun bimbo con le scarpe. La terra rosso carne-di-manzo veniva calpestata da piante di piedi tutt’altro che verde chioma-di-albero. Nessun giocatore aveva le scarpe. Youssouf si rassegnò a quella che pensava fosse una fantasia di Eko e dei suoi sette anni.

- Papà, papà! – urlò il piccolo goleador correndo verso il genitore che si era sistemato sulla malandata tribuna – Ti ricordi di Nelson?

- Certo – sorrise l’uomo – scommetto che oggi non è venuto.

- No, eccolo lì – disse Eko indicando il centro del campo – è appena arrivato.

Youssouf guardò con i suoi occhi marrone nocciola-del-Kenia a cui stentò subito a credere – Ma…

- Lo vedi, papà?

L’uomo vide un bambino bianco latte-di-mandorla, coi capelli biondo balla-di-fieno, gli occhi blu cielo-di-notte e le scarpe azzurro mare-radente-spiaggia – Quello è Nelson?

- Certo, è l’unico con le scarpe.

- Ma… ma è bianco!

Eko guardò il padre dubbioso, poi osservò meglio l’amico che gli sorrideva a centrocampo e, sicuro di quello che diceva, rispose – No, papà, ti sbagli. Azzurro… le scarpe di Nelson sono di colore azzurro!




Condividi post

Repost 0
Massimo Lerose
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Blog di Massimo Lerose
  • Blog di Massimo Lerose
  • : Meglio stare all'Indice che al medio... Scrittori Pericolosi, non scrittori fottuti!
  • Contatti

Profilo

  • Massimo Lerose
  • Massimo Lerose nasce nel 1978.
E' attore, regista e scrittore.
Per molti dovrebbe trovare un "lavoro serio".
Per alcuni è un "talento sprecato".
Per pochi è semplicemente Massimo.
La sua casa è il mondo.
Il suo mondo è Terracina."
  • Massimo Lerose nasce nel 1978. E' attore, regista e scrittore. Per molti dovrebbe trovare un "lavoro serio". Per alcuni è un "talento sprecato". Per pochi è semplicemente Massimo. La sua casa è il mondo. Il suo mondo è Terracina."